Tecnica rigenerazione ossea

rigenerazione ossea

La chirurgia ossea ricostruttiva, altrimenti detta chirurgia ricostruttiva dell’osso, viene utilizzata nei pazienti con seri problemi odontostomatologici gravi.

E’ assolutamente necessario prima di eseguire un intervento di chirurgia ossea ricostruttiva, eseguire una radiografia panoramica delle arcate dentali ed una tac (Tomografia Assiale Computerizzata) al fine di valutare la reale carenza ossea e le problematiche correlate.

La chirurgia ossea ricostruttiva è assolutamente fondamentale per potere procedere successivamente al posizionamento dei nuovi impianti dentali. Nello specifico la chirurgia ossea ricostruttiva viene utilizzata la ricostruzione della cresta ossea utilizzando l’osso autologo. Quando questo è possibile rimane sempre il sistema migliore per favorire l’aumento della superficie ossea nel paziente.

Ancora la chirurgia osseo ricostruttiva è utilizzata per rigenerare l’osso attraverso l’uso combinato di biomateriali e membrane riassorbibili.

Ancora per il rialzo del seno mascellare, detto anche “Sinus Lift”, per ricostruire un osso che è stato danneggiato da un impianto precedente ed anche per una procedura chirurgica chiamata “Split Crest”.

Questi interventi possono essere eseguiti esclusivamente da medici chirurghi professionisti e specializzati. Rispetto al passato, oggi, grazie alle moderne tecnologie è possibile effettuare interventi di ricostruzione ossea e successivamente l’istallazione di nuovi impianti dentali anche in situazioni che un tempo erano ritenute altamente improbabili.

rigenerazione ossea

Viene utilizzata anche a fini estetici, quando per esempio una dentatura non proprio ottimale pregiudica al pazienta la possibilità di poter sorridere. I pazienti che devono sottoporsi ad un intervento di chirurgia ossea ricostruttiva, oltre a dover vincere la paura ancestrale nei confronti della chirurgia ed in particolare proprio nei riguardi del dentista, devono anche essere informati sulle tecniche metodiche dell’intervento e sulla qualità dei materiali utilizzati quando questi non sono prelevati dal corpo del paziente.

Tra le varie innovazioni introdotte per effettuare un intervento di chirurgia ossea ricostruttiva, l’utilizzo della “piezochirurgia” è da considerarsi la migliore tecnica attualmente in vigore.

Grazie all’utilizzo di sottili strumenti in grado di trasmettere microvibrazioni a frequenza ultrasonica, il chirurgo riesce a tagliare l’osso con maggior precisione causando anche minor trauma all’osso del paziente ed una minore fuoriuscita di sangue. Tutto questo naturalmente è ad esclusivo vantaggio di una miglior ripresa post operatoria ed un minor tempo di guarigione per il paziente.

Questa nuova tecnologia è molto diffusa, negli ambulatori all’avanguardia, quando si effettua il prelievo l’innesto osseo, nel caso in cui si deve effettuare un rialzo del seno mascellare o per effettuare una espansione crestale, ovvero tutti quegli interventi effettuati nelle vicinanze dei nervi o dei vasi sanguigni.

Alternativa alla rigenerazione ossea ?

Oggi è possibile ovviare alla rigenerazione ossea con l‘implantologia zigomanica , maggiori informazioni sul sito : http://impianticonpocoosso.it

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>